Mosaico di Heiko Caimi

Una nuova serie di scatti. Bruno, solo nella stanza, contemplava le sue ultime realizzazioni. Eliana odiava quella sua fissazione.
«È solo pornografia», era solita sentenziare.
«È architettura, amore», replicava lui, «Lo studio architettonico del tuo corpo».
Come se considerare il suo aspetto una struttura, un oggetto, potesse farla sentire meglio.
«Se fossi onesto, la chiameresti per quello che è», diceva lei a quel punto, con un’espressione di disgusto sul viso. Eppure continuava a prestarsi ai suoi esperimenti. E questa era la sola cosa importante, per lui: che credesse pure quello che voleva, purché non interferisse con la sua arte.
In un primo momento, era rimasto suggestionato da quadri come le “Architetture della donna” di Nilo Rossi, dalla “Rosa afrodisiaca” di Venditti, o da opere come la “Giraffa in fiamme”, il “Sito antropomorfico” o la “Premonizione della guerra civile” di Dalì. Proprio quest’ultimo aveva ispirato i suoi primi tentativi pittorici. Considerava la “Premonizione” la punta estrema, l’approdo finale di qualsiasi studio architettonico sul nudo, maschile o femminile che fosse.
Aveva dipinto le parti di Eliana in una miriade di ritratti.
Ben presto aveva sentito la necessità di una ricerca epidermica, più simile al vero: corpo e materia in comunicazione costante. Così era passato alla fotografia.
Ciò che per Eliana era morboso, per Bruno era amoroso: riteneva un estremo atto d’amore occuparsi del corpo di sua moglie come ci si occupa di un assoluto capolavoro. E il corpo di Eliana era un capolavoro. Non un corpo perfetto, ma un fisico la cui materia era plastica, e si prestava ad angolazioni inedite, a prospettive inconsuete, con la sua geometria a tratti morbida, a tratti acuta; lineare e curvilinea.
Bruno rubava scatti a Eliana costringendola a pose continue, anche quando questa meno se lo aspettava. Aveva scomposto il suo corpo in una moltitudine di singoli frammenti, e l’insieme che ne era uscito sembrava una paesaggio astratto fatto di luci, di ombre e di carne.
Eppure non era ancora soddisfatto. A quell’amalgama mancava un elemento, ma non riusciva ad individuare quale fosse. Sentiva di nuovo la necessità di addentrarsi nella materia in un modo più preciso, al tempo stesso intenso e carnale. Come quando era passato dalla pittura alla fotografia.
Poi, osservandola attentamente e paragonandola ai particolari che aveva impresso su pellicola, ebbe l’illuminazione: non sarebbe mai bastato fotografare, scomporre in immagini. Occorreva agire dal vivo: operare direttamente sul corpo. Tranciare, sminuzzare, ricomporre: non foto o dipinti, ma una scultura da plasmare e da lasciare a imperitura memoria. Una scultura di carne viva. Creata con l’attenzione del chirurgo e lo sguardo dell’esteta.
Per ogni momento di consapevolezza artistica, riusciva a materializzare nella sua mente lo strumento. Così era stato per i colori, acrilici e tempere, e i pennelli, per la pellicola e la macchina fotografica. Il suo pensiero lo condusse direttamente al set di coltelli da cucina che i suoceri gli avevano regalato per Natale.

©Heiko Caimi, 2020

Leave a Comment.

Rubriche
Instagram
  • Letizia Vicidomini racconta del suo ultimo romanzo a Sdiario
  • Intervista a Roberto Catania

Provate a immaginare più di millequattrocento disegni che scivolano su un tappeto sonoro di gran classe, tessuto di Andrea Martignoni, e tanta, sconfinata poesia. Provate a immaginare il sogno che si veste di forme e di colori che portano addosso la memoria della carta. Non è semplice, serve un grande lavoro di fantasia. Oppure bisogna avere la fortuna di trovarsi alla proiezione di… [ potete leggere il resto su #sdiario ]
https://sdiario.com/intervista-a-roberto-catani-di-alessandro-morbidelli/
.
.
.
#intervista #artista #alessandromorbidelli #scrittore #cortoanimato #disegni #drawing #sitoweb #arte
  • "Come perla Come perla mi lascio inanellare dal fragile filo dei baratti con il tempo scorro al ritmo delle mie sorelle fino al nodo non mi oppongo al corso che mi è dato dove il prima e il dopo solo io conosco sbiadisco in fila indiana nel silenzio prigioniera di un bagliore incatenato." Scelgo le parole di Sabrina de Canio per presentarla: “Quello che ci affascina delle onde del mare non sono la maestria, la tecnica, la fisica dell’onda ma il suo miracoloso compiersi.
#intervista di @missneghi  su @sdiariosviaggiatori (Continua su
https://sdiario.com/intervista-a-sabrina-de-canio-di-anna-martinenghi-1-2/ )
.
.
.
#sdiario #annamartinenghi #poesia #poetessa #scrittrice #sitoweb #sabrinadecanio #parole
  • Ha scritto Nelson Mandela: “L’istruzione e la formazione sono le armi più potenti per cambiare il mondo”.
Oggi #sdiario ospita il racconto del viandante Lino Di Gianni, da anni impegnato nell'insegnamento della lingua italiana agli stranieri.
Perché migrante faccia rima con accoglienza e integrazione.

#raccontiitaliani
#migranti
#integrazione
#linodigianni 
#uguaglianza #scuola #accoglienza #nelsonmandela #sitoweb #blogger #bloggeritalia #insegnanti
  • ...chiunque può entrare e prende fino a 3 libri per visita, lasciando una offerta libera come forma di pagamento
.
.
.
#libridaleggere #roma #civilta #cultura #instabook #libreria
  • @katiacolica_ vince #raccontinellarete e dal suo #racconto verrà realizzato un #corto 
#sdiario prova #orgoglio per una delle sue #sviaggiatrici storiche .
E per la #menzionespeciale ad @azanca1317 e per il #terzoposto al #premiobukowski di @annamartinenghi .
.
.
#katiacolica #annamartinenghi #antonellazanca #scrittriciitaliane #raccontiitaliani #poesie #sitoweb #leggere #scrivere
  • @sytamni su #sdiario con un #racconto dalla Trilogia della città di R.
.
.
.
#raccontiitaliani #raccontobreve #raffaelerutigliano #scrivere #leggere #sitoweb
  • #specialguest su #sdiario Novella Limite, #registateatrale intervistata da @vivianagabrini .
.
.
.
#storieoltreilcancello #follia #readingteatrale #manicomiodivoghera
Seguici