Archive

Si accade sempre di Elena Mearini

Si accade sempre, Prima o poi, Basta mettersi in fila E attendere il proprio turno E’ un tempo di lunghe file, questo. Supermercati, ospedali, farmacie, ogni ingresso include l’attesa in coda, con gli occhi rivolti alla schiena dell’altro che ci sta davanti. Lui che entrerà prima di noi, perché è uscito di casa con ...

Servetta muta di Francesca Rossetti

Indosso maschere. Museruole benigne a misura di prevenzione. Ho un naso burbero: non vuole che gli si rimbocchi le coperte. La maschera, in tempi scaduti, fu il titolo della mia tesi di maturità. Virgilio nelle Georgiche la chiama ora horrenda. Io al lavoro divento servetta muta pur non scorrendo nulla di veneziano in me. L'aria non emana miasmi, non c'è pestilenza, non è il medioevo, non sono un medico: la maschera dello speziale non ...

Frigorifero luminoso di Anna Martinenghi

FRIGORIFERO LUMINOSO Se ti trovassi, ti incarterei come un piccolo albero. E ti stringerei dentro al mio cuore freddo. Giovanna Marmo da “Occhio da cui tutto ride” Le piace il caffè solubile. Le piace incollare i bollini dei premi fedeltà. Le piace il caffè solubile perché è ancora più sciacquato del caffè americano. Le sembra che i premi fedeltà siano oggetti ...

Apriti un campo di Francesca Rossetti

Mostragli il tuo ultimo servizio di pianti e chiudi la porta. Apriti un campo. Stendi i danni su fili d'erba e lasciali ai morsi di lumaca. Rassegnati all'astio dei pioppi, ci sono rami che abbracciano solo te. Coltivane l'amicizia. Invaghisciti della sapidità dei legni: non c'è fragranza d'uomo che ispiri tanta grandezza. Cospargiti di vènti febbrili, quelli saggi e scatenati di febbraio, che spurgano il buon senso dal vizio. Sbrina gli occhi al cielo e portati alla bocca il riflesso di te rinata. ©Francesca ...

La fontana malata [Parafrasi 2] di Anna Martinenghi

Clof, clop, cloch, cloffete, cloppete, clocchette, chchch… È giù, nel cortile, la povera fontana malata; che spasimo! sentirla tossire. Tossisce, tossisce, un poco si tace… di nuovo tossisce. Mia povera fontana, il male che hai il cuore mi preme. Si tace, non getta più nulla. Si tace, non s’ode romore di sorta che forse… che forse sia morta? Orrore Ah! No. Rieccola, ancora tossisce Clof, clop, cloch, cloffete, cloppete, chchch… La tisi l’uccide. Dio santo, quel suo eterno tossire mi fa morire, un poco va bene, ma tanto… Che lagno! Ma Habel! Vittoria! Andate, correte, chiudete la fonte, mi uccide quel suo eterno tossire! Andate, mettete qualcosa per farla finire, magari… magari morire. Madonna! Gesù! Non più! Non più. Mia povera fontana, col male che hai, finisci vedrai, che uccidi me pure. Clof, clop, ...

Blues di Francesca Rossetti

Avanza solenne la scia dell'alba. È un blues mattutino nello sterno di entusiasmi appena destati. Un flutto assonnato di logiche danzanti. Nell'altra stanza è un rivolo di mielina involato dal neurone lo stucco d'alba alla parete. Un'esalazione del lume della ragione. L'alba di un'impotenza. ©Francesca Rossetti, 2020 ©Foto Sandra Giammarruto    

1938 di Raffaello Baldini [Parafrarsi 1] di Anna Martinenghi

“La maestra di Sant’Ermete delle volte, il pomeriggio si chiude in camera e accende una Giubek Non fuma. Sdraiata sul letto la guarda consumarsi. Le piace l’odore. Delle volte le viene da piangere” Raffaello Baldini – Piccola antologia in lingua italiana *** Per tutti era solo “la maestra”. Non c’era famiglia a Sant’Ermete che non avesse avuto a che fare ...

Cuore di Francesca Rossetti

Di buio il busto scomodo. Le ombre gli rubano l'aria. Le sinfonie notturne sono balzi di torace in posizione eretta. Uno strappo di fiato nella notte. Mi è sembrato di averlo nel petto il cuore di mio padre. ©Francesca Rossetti, 2019 ©Foto di copertina di Leonardo Cassi, 2019

Il tocco che io cerco di Elena Mearini

Poco più di una carezza, anche meno di un bacio. Non so quale nome abbia il tocco che io inseguo. Ci ritroviamo spesso a cercare qualcosa a cui non sappiamo dare un nome. Qualcosa che forse un nome non l’ha mai avuto perché nessuno ha pensato di volerlo un giorno chiamare. Del resto, a chi potrebbe ...

Intervista a Sabrina De Canio di Anna Martinenghi (2/2)

Cosa ha rappresentato per te l’esperienza del piccolo museo della Poesia a Piacenza? Il museo, avamposto di un manipolo di idealisti di cui mi glorio di far parte, è una parte molto importante della mia vita, soprattutto in questi giorni in cui siamo a rischio chiusura per mancanza di fondi ...
Rubriche
Instagram
Instagram did not return a 200.
Seguici