Archive

Kàukokaipuu di Euro Carello

Le ultime strisce di notte si sfarinano lente sopra i tetti, un sole guardingo fa capolino tra i comignoli della casa di fronte, ma l’aria è umida e gelata, si infila sotto il pigiama e mi raffredda la schiena.Il cuore è già freddo di suo.Piegato in avanti, i gomiti puntati ...

L’agguato di Euro Carello

L'agguatodi Euro Carello Sei del mattino. Il sole debole di aprile si insinua tra i platani spogli del viale, fino al finestrino semiaperto e alle mie dita che tamburellano nervose sul volante. Seguo con occhi distratti le volute azzurre di fumo risucchiate fuori dalla fessura. Sono qui da quasi mezz’ora e ...

Trenta per te di Euro Carello

Marylou è appena arrivata in posizione alla pertica tra gli sguardi distratti dei camerieri che la tirano lunga passandosi uno spinello davanti alla porta della cucina, i grembiuli bianchi corti sui pantaloni neri. La nuvola di fumo non si taglia ancora con il coltello e giù in fondo c'è il ...

Il soffio del vento tra le dita di Euro Carello

Tutto sommato non è stato granché. Un po' di sangue qua e là, ma neanche troppo, qualche lamento subito soffocato dall'ultimo colpo alla nuca, venti secondi di tremito sul parquet del soggiorno e via, tutto finito. Più veloce di una sigaretta. E poi dicono che ammazzare è un'esperienza terribile, una ...

Sexcam di Euro Carello

Allungo la mano con lentezza, le dita tra le cosce fasciate dalle autoreggenti nere, guardo verso la webcam con occhi languidi e sbatto due o tre volte le ciglia finte, labbra socchiuse e lingua che fa capolino. Senza occhiali non ci vedo bene ma capisco che la lucetta rossa è ...

Vetro di Euro Carello

Una lastra di vetro. Liscia, come tutte le lastre di vetro. Una notte di pioggia incorniciata dal legno scuro. Una goccia che scivola giù. Scende, rallenta, sembra che si fermi, riprende. Potrebbe essere una lacrima. Bel pensiero profondo, adeguato al momento e allo stato d’animo. Che non è depresso, no. Magari. Com’è che diceva, quello? ...

Un’alba di Euro Carello

Le luci dei fari scivolano sui campi gelati, sui cartelli sbiaditi che mi vengono incontro e spariscono subito, inghiottiti dal nero, sulla lingua di neve sporca che scorre di lato. Intorno, il buio si va facendo meno spesso, si cominciano a intravedere i profili di qualche cascina, i ricami obliqui ...

Scuola materna di Euro Carello

È tardi, dio mio com'è tardi - la pasta, il prosciutto, il latte che non ce n'è più e cosa gli do a colazione - se non mi sbrigo non ce la faccio a fare tutto. Proprio oggi che viene mia madre e ho la casa che fa schifo. «Sbrigati, tesoro, ...

Piccole storie [8] di Barbara Garlaschelli

© foto di Alessandro Scaparro L'ATTESA DEL CIGNO La stanza è immersa nella penombra. Fuori il sole accende i colori, ma dentro è il buio a governare la stanza, a depositarsi sui libri, a chiudere le imposte, a premere contro le ante dell'armadio, a dipingere pareti e soffitti. Leda è seduta sulla ...
Rubriche
Instagram
Instagram did not return a 200.
Seguici