Su una striscia grigia e salmastra di confine di Rita Lopez

Conobbi Nico un giorno di fine scuola. Ero uscita un paio di ore prima, perché mancava il professore di greco. Faceva caldo, si stava bene. Non sarei tornata subito a casa, avrei fatto un giro per conto mio, al porto vecchio. Il posto proibito. Il posto in cui mai e poi mai sarei dovuta andare da sola. Il posto dove sempre andavo, invece, quando mi trovavo a passeggiare da sola. Il marciapiede era scandito dai lampioni monumentali in ghisa, adagiati sugli alti basamenti di pietra bianca, altezzosi e austeri, simili a fedeli guardiani della costa.
La muraglia possente da una parte. Il mare dall’altra.
Un uomo a torso nudo, la pelle bruciata dal sole, sbatteva un grosso polpo sugli scogli, fino a farlo schiumare. Più avanti un ragazzo dai capelli nocciola, con degli slip neri, si tuffava da uno dei blocchi di cemento frangiflutti. Mi fermai a guardarlo. Il ragazzo si tuffava nell’acqua scura che odorava di sale e alghe. Scompariva, per poi riemergere in superficie, più lontano. Gli occhi chiusi. La bocca aperta per riprendere fiato. Ritornava veloce indietro, a grandi bracciate. Risaliva sul blocco di cemento facendo leva sulle braccia muscolose. Si rimetteva in piedi. L’acqua gli scivolava lungo il corpo snello. La sua pelle abbronzata brillava di centinaia di minuscole goccioline.
La muraglia possente da una parte. Il ragazzo e il mare dall’altra.
Si accorse di me e mi sorrise.

Nico rubava le sigarette a suo fratello. Andavamo a fumarcele seduti su una delle panchine di fronte al mare. La sirena di una nave, ormeggiata nel porto nuovo, squarciava il silenzio all’improvviso. Sembrava il ruggito straziante di un vecchio leone ferito.
Io e Nico ci fumavamo tutto il pacchetto in due. Una sigaretta dietro l’altra, fino a sentirci storditi, ubriachi di fumo, leggeri come le nuvole veloci nel cielo.
Ci sentivamo sull’orlo di un precipizio, pronti in ogni momento a cadere nel baratro o a spiccare il volo. L’estate sarebbe finita presto. Io sarei tornata a scuola. Nico ancora non sapeva quello che avrebbe fatto. Non ci rimaneva che acchiappare le nostre vite a morsi. Divorarle.
La nave, in lontananza, ruggiva come un leone straziato.
Su quella striscia grigia e salmastra di confine, puntellata dai lampioni di ghisa simili a fedeli guardiani, io e Nico sognavamo di essere gli eroi di un film senza pretese. Con l’anima in fiamme. Il cuore tremante.
Forse è su una di quelle panchine che abbiamo imparato a guardare lontano.
E alla fine siamo partiti entrambi, proiettati ognuno in un mondo diverso. Io a studiare nella capitale. Nico, che non ho mai più incontrato, a lavorare in una fabbrica del nord.
Sono sicura che anche nella sua testa, dovunque si trovi, di tanto in tanto risuoni l’urlo disperato della sirena di una nave.

©Rita Lopez

(Foto in copertina di ©Livia Favia)

Rita Lopez è nata e cresciuta a Bari, nel Libertà.
Vive a Roma da più di trent’anni.
È laureata in Sociologia e Archeologia.
Ha pubblicato la raccolta di racconti “Vie d’uscita” (2017), il romanzo “Apri gli occhi” (2018), il saggio “Elvira Cagnazzo e la rinascita dell’Acropoli” nel volume “Compagni al Flacco 60 anni fa” (2018) e l’ultimo “Peccatori sconfitti e per di più insolenti” (2019).
È tra i vincitori del Primo Premio Nazionale Letterario “Vittorio Stagnani”.
Scrive sul blog: lopezrita.wordpress.com.

 

 

 

 

Leave a Comment.

Rubriche
Instagram
  • È in questo mare che ho visto i tuoi occhi riempirsi di gioia bambina. Ancora eravamo noi. (A. G.)
.
.
.
#mare #sea #cielo #stupore #gioia #passato #tempo #esseresestessi
  • Vedo che ci sei. Dentro quelle nuvole. Dentro le parole che scrivi. Vedo che ci sei. Come quel giorno quando dal buio ascoltavi la mia voce. E anche adesso che sei lontano vedo che ci sei.
(A.G.)
.
.
.
#parole #ricordi #silenzio #bellezza #strada #mare #nuvole
  • @alessandro_morbidelli torna con "Playlist" e un racconto che è la storia dell'oggi. Con la bravura che lo contraddistingue. Su #sdiario .
.
.
#sviaggiatori #scrittura #scrittore #racconto #raccontiitaliani #diversity #uguaglianza #amore #dolore #sitoweb
  • perché a volte ci si stanca sai tutte queste parole questo spreco questo voler esserci e dire e non ascoltare e mostrare senza vedere e parlare senza voce e suoni suoni rumore come sassi che rotolano e questa stanchezza che ti porta via e non è vero che ci si ascolta e ci si rispetta è solo rumore di fondo e cielo nero e battere pugni sul tavolo come bambini vecchi senza più innocenza senza più pudore solo urla e parole urla e parole vanità e piccolezza e sussurri e grida ma che rimbalzano su corpi oscuri e blindati non ci sono mani tese solo occhi chiusi e pugni chiusi e porte chiuse e muri alzati e fuoco e fiamme la paura di essere soli ma senza la voglia di stare insieme e tutta questa stanchezza che ti trascina via verso il basso che è uguale all'alto ma tanto che differenza fa se non mi ascolti se non mi guardi se non sai nemmeno chi sono anche se dici di conoscermi dove pensi di andare senza gambe senza occhi senza mani solo con un passato che pesa e un futuro che non ti accoglie e un presente che se ne lava le mani e tanto chi se ne frega se si muore se si è vivi se il cielo è sopra o sotto se il mare è di plastica e le case di cartone perché a volte ci si stanca di tutto questo fragore che scioglie il silenzio che sbatte le finestre e incastra i sassi sotto le suole delle scarpe e ti fa sentire il dolore sulla pelle nelle ossa dentro il cervello perché è tutto questo correre verso il niente che ci lascia indietro senza amore imbottiti di rabbia e Lexotan vino da poco e sigarette spente perché a volte ci si stanca e vorresti che chi ti ha lasciato fosse qui anche solo per un secondo anche solo per dire aspettami per favore aspettami per favore devo dirti questa parola solo questa ma è la più importante quella che non ti ho detto mai aspettami per favore...
.
@barbaragarlaschelli 
Foto di @latelierdisophie .
.
.
#barbaragarlaschelli #sandragiammarruto #ballata #fotografia #suggestioni #scrittura #monologo #sviaggiatrici
  • LA FELICITA' SU CARTA 
Succede che delle recensioni siano così belle in sé da essere pura narrazione. 
Tra le più belle parole scritte su "Il cielo non è per tutti" @edizioni_frassinelli .Grazie a @ispagnoli che lo ha amato quanto più non si potrebbe. E a @davide.barilli per la sua attenzione e lo spazio che ha dato a "Il cielo" su @gazzettadiparma.it .
.
.
#ilcielononèpertutti
#frassinellieditore
#romanzo
#gazzettadiparma #isabellaspagnoli #davidebarilli #bookstagram #libro #mybook #felicita #piacenza #bambini #stories #storie #scrittura #scrittriceitaliana
  • Non è un film.
.
.
.
#notredame #parigibrucia #dolore #paris #
  • Sabato 25 e domenica 26 maggio Masterclass in casa Garlaschelli/Poli.
Per info bagar.arte@gmail.com
No perditempo.
.
.
.
#barbaragarlaschelli #scrittura #scrittrice #scrivere #scritturacreativa #masterclass #5sensipiu1
  • “Il tuo più tenue sguardo facilmente mi aprirà benché abbia chiuso me stesso come dita sempre mi apri petalo per petalo” La punta acuminata e metallica sfiora la mia fronte e io, di riflesso, sorrido: la sensazione, quasi impercettibile, di freddo contro la pelle accaldata dall'eccitazione è piacevole, così come la leggera pressione che avverto sull'epidermide. Come un presagio di dolore che non ci sarà."
@vivianagabrini
 #fuoriposto
https://sdiario.com/
.
.
.
#sdiario #barbaragarlaschelli #audioracconto #vivianagabrini #tatuaggio #tattoo #love #raccontiitaliani #racconto #scrittura #scrittriceitaliana #amore #parole
Seguici