In silenzio di Heiko H. Caimi

Partendo dalla suggestione del film Rashomon di Akira Kurosawa abbiamo preso una fotografia scattata da Viviana Gabrini e alcuni  Sviaggiatori hanno raccontato una storia interpretando l’immagine a modo proprio.

Il risultato è sorprendente. Perché ogni cosa è vista con i propri occhi e ciascuno di noi ha una sua narrazione della vita e di ciò che vede, anche se l’immagine è la stessa.

***

«Vieni via» ordinò la mamma alla piccola Chiara.
L’imbrunire era cupo sotto i nuvoloni neri. Non sembrava neppure primavera. La pioggia incessante aveva appena smesso di tambureggiare sugli ombrelli, che mamma e papà avevano chiuso scrollandoli a dovere. A Chiara era dispiaciuto dover abbandonare la mano di mamma, che l’aveva tenuta stretta sotto il parapioggia. Soprattutto dopo quello che aveva visto nel vicolo a fianco della strada.
«Ma, mamma… Il signore stava facendo del male a quella signora.»
«No, hai visto male-»
Chiara si bloccò al centro della strada. «Sono sicura. L’ho visto bene, aveva in mano un coltello.»
«Ma no», intervenne il papà fermandosi a sua volta, «ti sarai confusa.»
«Io non mi sono confusa», strillò la bambina. «Era proprio un coltello.»
«Ssst, zitta», le intimò la mamma a bassa voce. «Qualcuno potrebbe sentirci.»
«Ma dobbiamo aiutare la signora», s’impuntò Chiara. «Le stava facendo del male.»
«Figurati», minimizzò la mamma, «sono sicura che stavano solo giocando.»
«Non stavano giocando. Lo dici sempre anche tu che non bisogna giocare coi coltelli. Che i coltelli non sono un gioco, ma una cosa pericolosa».
L’uomo e la donna si guardarono, sconcertati. Lui fece per prendere la mano della figlia, ma era impacciato dai sacchetti della spesa. Fu la madre ad afferrarla. Strattonò la piccola costringendola a riprendere il cammino.
«Dobbiamo aiutarla.»
«Dobbiamo farci i fatti nostri, prima di finire nei casini», commentò la donna, rigida, affrettando il passo.
«Sicuramente il signore era un venditore di coltelli», disse il papà, «e stava mostrando alla signorina l’ultimo modello.»
La bambina cercò di fare resistenza puntando i piedi sul selciato, ma la madre era troppo forte e se la trascinò dietro.
«Non era un venditore di coltelli. Sono sicura.»
«Smettila di fare i capricci se no una sberla non te la leva nessuno», la minacciò il papà.
Chiara prese a piangere in silenzio, smise di parlare e si lasciò condurre docile verso casa. Ma non avrebbe dimenticato.

©Haiko C. Caimi, 2019

Leave a Comment.

Rubriche
Instagram
  • Letizia Vicidomini racconta del suo ultimo romanzo a Sdiario
  • Intervista a Roberto Catania

Provate a immaginare più di millequattrocento disegni che scivolano su un tappeto sonoro di gran classe, tessuto di Andrea Martignoni, e tanta, sconfinata poesia. Provate a immaginare il sogno che si veste di forme e di colori che portano addosso la memoria della carta. Non è semplice, serve un grande lavoro di fantasia. Oppure bisogna avere la fortuna di trovarsi alla proiezione di… [ potete leggere il resto su #sdiario ]
https://sdiario.com/intervista-a-roberto-catani-di-alessandro-morbidelli/
.
.
.
#intervista #artista #alessandromorbidelli #scrittore #cortoanimato #disegni #drawing #sitoweb #arte
  • "Come perla Come perla mi lascio inanellare dal fragile filo dei baratti con il tempo scorro al ritmo delle mie sorelle fino al nodo non mi oppongo al corso che mi è dato dove il prima e il dopo solo io conosco sbiadisco in fila indiana nel silenzio prigioniera di un bagliore incatenato." Scelgo le parole di Sabrina de Canio per presentarla: “Quello che ci affascina delle onde del mare non sono la maestria, la tecnica, la fisica dell’onda ma il suo miracoloso compiersi.
#intervista di @missneghi  su @sdiariosviaggiatori (Continua su
https://sdiario.com/intervista-a-sabrina-de-canio-di-anna-martinenghi-1-2/ )
.
.
.
#sdiario #annamartinenghi #poesia #poetessa #scrittrice #sitoweb #sabrinadecanio #parole
  • Ha scritto Nelson Mandela: “L’istruzione e la formazione sono le armi più potenti per cambiare il mondo”.
Oggi #sdiario ospita il racconto del viandante Lino Di Gianni, da anni impegnato nell'insegnamento della lingua italiana agli stranieri.
Perché migrante faccia rima con accoglienza e integrazione.

#raccontiitaliani
#migranti
#integrazione
#linodigianni 
#uguaglianza #scuola #accoglienza #nelsonmandela #sitoweb #blogger #bloggeritalia #insegnanti
  • ...chiunque può entrare e prende fino a 3 libri per visita, lasciando una offerta libera come forma di pagamento
.
.
.
#libridaleggere #roma #civilta #cultura #instabook #libreria
  • @katiacolica_ vince #raccontinellarete e dal suo #racconto verrà realizzato un #corto 
#sdiario prova #orgoglio per una delle sue #sviaggiatrici storiche .
E per la #menzionespeciale ad @azanca1317 e per il #terzoposto al #premiobukowski di @annamartinenghi .
.
.
#katiacolica #annamartinenghi #antonellazanca #scrittriciitaliane #raccontiitaliani #poesie #sitoweb #leggere #scrivere
  • @sytamni su #sdiario con un #racconto dalla Trilogia della città di R.
.
.
.
#raccontiitaliani #raccontobreve #raffaelerutigliano #scrivere #leggere #sitoweb
  • #specialguest su #sdiario Novella Limite, #registateatrale intervistata da @vivianagabrini .
.
.
.
#storieoltreilcancello #follia #readingteatrale #manicomiodivoghera
Seguici