Fantasticando [2] di Gabriele Zancervelli

MAGNIFICAT

C’è una luce soffusa nel lungo corridoio, le porte delle piccole camere si aprono a intervalli regolari, bianchi lettini sembrano quasi risplendere nella penombra.
Corpi consumati dal tempo si muovono debolmente al ritmo di strane macchine, piccoli gemiti scandiscono il passare dei minuti.
Giorno e notte si alternano in quel piccolo reparto, scanditi da un timer che varia l’ intensità delle luci. Alba e tramonto durano lo spazio di un’ istante in un mondo dove il tempo si è quasi fermato.
Una giovane donna si muove lungo il corridoio, controlla le macchine e i corpi, scrive su un piccolo tablet. Ci sono momenti in cui il suo sguardo sembra sfuocato e le sue labbra sorridono, forse anche lei sogna in questa notte artificiale, forse la sua mente vaga nel futuro che ancora le appartiene.
La voce è limpida e potente, senza esitazioni.

«Magnificate con me il Signore,
esaltiamo insieme il suo nome.
Ho cercato il Signore: mi ha risposto
e da ogni mia paura mi ha liberato.
Guardate a lui e sarete raggianti,
i vostri volti non dovranno arrossire.
L’angelo del Signore si accampa
attorno a quelli che lo temono, e li libera.»

La ragazza si affretta verso la voce, entra nella camera, rimane per un lungo momento a fissare quel corpo che canta con la voce di una giovane donna. Poi si avvicina al letto, si siede accanto e prende tra le sue una mano ormai senza peso.
Si china verso un viso scarnificato dal tempo e mormora: «Cosa succede Maria? Perché sta cantando?»
Due occhi di un azzurro ormai sbiadito fissano la ragazza, la voce si è fatta flebile e incerta quando risponde: «Sto pregando il Signore».
«Perché preghi Maria?»
«Voglio andarmene, voglio vedere la mia famiglia. Credo mi aspettino.»
«Ma adesso è notte, potrai pregare domani.»
«No, ne ho bisogno adesso. Sono sola.»
«Ci sono io, rimango un po’ qui da te, ma tu prega sottovoce, per favore.»
La voce si riduce a un sussurro, dopo alcuni minuti inciampa in una parola, diventa un sommesso russare.
La ragazza lascia andare delicatamente la vecchia mano, si alza, sistema con cura i tubicini nel naso della donna, sorride e torna nel lungo corridoio, aspettando che il timer faccia sorgere il sole.

© Gabriele Zancervelli, 2018

Rubriche
Instagram
  • Letizia Vicidomini racconta del suo ultimo romanzo a Sdiario
  • Intervista a Roberto Catania

Provate a immaginare più di millequattrocento disegni che scivolano su un tappeto sonoro di gran classe, tessuto di Andrea Martignoni, e tanta, sconfinata poesia. Provate a immaginare il sogno che si veste di forme e di colori che portano addosso la memoria della carta. Non è semplice, serve un grande lavoro di fantasia. Oppure bisogna avere la fortuna di trovarsi alla proiezione di… [ potete leggere il resto su #sdiario ]
https://sdiario.com/intervista-a-roberto-catani-di-alessandro-morbidelli/
.
.
.
#intervista #artista #alessandromorbidelli #scrittore #cortoanimato #disegni #drawing #sitoweb #arte
  • "Come perla Come perla mi lascio inanellare dal fragile filo dei baratti con il tempo scorro al ritmo delle mie sorelle fino al nodo non mi oppongo al corso che mi è dato dove il prima e il dopo solo io conosco sbiadisco in fila indiana nel silenzio prigioniera di un bagliore incatenato." Scelgo le parole di Sabrina de Canio per presentarla: “Quello che ci affascina delle onde del mare non sono la maestria, la tecnica, la fisica dell’onda ma il suo miracoloso compiersi.
#intervista di @missneghi  su @sdiariosviaggiatori (Continua su
https://sdiario.com/intervista-a-sabrina-de-canio-di-anna-martinenghi-1-2/ )
.
.
.
#sdiario #annamartinenghi #poesia #poetessa #scrittrice #sitoweb #sabrinadecanio #parole
  • Ha scritto Nelson Mandela: “L’istruzione e la formazione sono le armi più potenti per cambiare il mondo”.
Oggi #sdiario ospita il racconto del viandante Lino Di Gianni, da anni impegnato nell'insegnamento della lingua italiana agli stranieri.
Perché migrante faccia rima con accoglienza e integrazione.

#raccontiitaliani
#migranti
#integrazione
#linodigianni 
#uguaglianza #scuola #accoglienza #nelsonmandela #sitoweb #blogger #bloggeritalia #insegnanti
  • ...chiunque può entrare e prende fino a 3 libri per visita, lasciando una offerta libera come forma di pagamento
.
.
.
#libridaleggere #roma #civilta #cultura #instabook #libreria
  • @katiacolica_ vince #raccontinellarete e dal suo #racconto verrà realizzato un #corto 
#sdiario prova #orgoglio per una delle sue #sviaggiatrici storiche .
E per la #menzionespeciale ad @azanca1317 e per il #terzoposto al #premiobukowski di @annamartinenghi .
.
.
#katiacolica #annamartinenghi #antonellazanca #scrittriciitaliane #raccontiitaliani #poesie #sitoweb #leggere #scrivere
  • @sytamni su #sdiario con un #racconto dalla Trilogia della città di R.
.
.
.
#raccontiitaliani #raccontobreve #raffaelerutigliano #scrivere #leggere #sitoweb
  • #specialguest su #sdiario Novella Limite, #registateatrale intervistata da @vivianagabrini .
.
.
.
#storieoltreilcancello #follia #readingteatrale #manicomiodivoghera
Seguici