Bipede a quattro mani [4] di Raffaele Rutigliano

I QUARANTENNI DEL XXI SECOLO

“Noi, che sconfiggeremo la crisi, noi, che ci battiamo per la pensione.”

Sono loro, i quarantenni. Lo si legge sull’Enciclopedia Treccanti, custodita nel museo del Burundiano. Da ciò che è scritto si apprende che i quarantenni si estinsero prima di aver toccato la pensione e tutti durante una sommossa operata ai danni dello Stato. Sempre loro, i quarantenni, subirono le varie leggi del tempo, come la Fornero Lex e la Inculeit Dream Tax, e, rispettivamente, il diritto a operare senza nullafare e il diritto di sognare come meglio arrivare all’età pensionabile per fare la fila alla Posta. Il TFR fu devoluto in toto alla Chiesa Cattolica, in quel tempo sotto il pontificato di Papa Bono Vox per sopperire alle troppe spese sparse tra le varie sedi legali per l’abominio sui minori. Successivamente la Chiesa si sfaldò ed ebbe la fine che conosciamo.

I quarantenni furono unanime all’assalto dei Palazzi, si spinsero per le strade, superarono i ponti, subirono l’irraccontabile, ma arrivarono alla bandiera. La tirarono giù e la sostituirono con l’Ultimatum Populi.

Il Governo, scappato e riunitosi nei sotterranei del Campo delle Oche, così ribattezzato, proclamò il suo nuovo Stato di Diritto appoggiato dalle Forze oltremanica e oltremuraglia. L’Italia, avamposto strategico per le guerre accese su tutti i fronti, era indispensabile al ruolo internazionale imposto dalle grandi potenze. L’Europa portò il Paese alla disgregazione sociale, i quarantenni furono ricercati ovunque, pena la castrazione mentale, furono soppressi mediante gas nervino e i loro corpi bruciati in grossi forni. Una realtà che per il tempo divenne ben presto riecheggiante di antichi timori, ma questa volta non per paura di rappresaglie, ma per paura degli effetti devastanti sulle politiche attuative.

Il quadro che si venne a creare era qualcosa di mai visto prima. L’età media si abbassò, il popolo dei disobbedienti svanì e quelli che rimasero furono condizionati all’uso della forza e difesa personale. Le strade furono il nuovo centrum della lotta interpersonale, non si era più un’unità solidale, un popolo, per l’appunto, bensì un declassamento allo stato brado voluto e ordito ai danni di tutti. Tutti erano blindati in città semi fantasma. I muri furono alzati dentro e fuori. Non si poteva parlare, non si poteva leggere, i libri non esistevano più, internet non esisteva più. Neanche i critici letterari, gli scrittori anonimi o i loro pseudonimi, le denunce, gli outing, le grandi figure di merda, quelle scrollate dal buonismo che si riposavano sulle giacche come forfora bianca. Nessuna traccia. Scrollate via, e per sempre.

Diceva Pasolini: “Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia”.

Il resto è pura invenzione, aggiungo io.

© Raffaele Rutigliano, Barbara Garlaschelli, 2014

Leave a Comment.

Rubriche
Instagram
  • Letizia Vicidomini racconta del suo ultimo romanzo a Sdiario
  • Intervista a Roberto Catania

Provate a immaginare più di millequattrocento disegni che scivolano su un tappeto sonoro di gran classe, tessuto di Andrea Martignoni, e tanta, sconfinata poesia. Provate a immaginare il sogno che si veste di forme e di colori che portano addosso la memoria della carta. Non è semplice, serve un grande lavoro di fantasia. Oppure bisogna avere la fortuna di trovarsi alla proiezione di… [ potete leggere il resto su #sdiario ]
https://sdiario.com/intervista-a-roberto-catani-di-alessandro-morbidelli/
.
.
.
#intervista #artista #alessandromorbidelli #scrittore #cortoanimato #disegni #drawing #sitoweb #arte
  • "Come perla Come perla mi lascio inanellare dal fragile filo dei baratti con il tempo scorro al ritmo delle mie sorelle fino al nodo non mi oppongo al corso che mi è dato dove il prima e il dopo solo io conosco sbiadisco in fila indiana nel silenzio prigioniera di un bagliore incatenato." Scelgo le parole di Sabrina de Canio per presentarla: “Quello che ci affascina delle onde del mare non sono la maestria, la tecnica, la fisica dell’onda ma il suo miracoloso compiersi.
#intervista di @missneghi  su @sdiariosviaggiatori (Continua su
https://sdiario.com/intervista-a-sabrina-de-canio-di-anna-martinenghi-1-2/ )
.
.
.
#sdiario #annamartinenghi #poesia #poetessa #scrittrice #sitoweb #sabrinadecanio #parole
  • Ha scritto Nelson Mandela: “L’istruzione e la formazione sono le armi più potenti per cambiare il mondo”.
Oggi #sdiario ospita il racconto del viandante Lino Di Gianni, da anni impegnato nell'insegnamento della lingua italiana agli stranieri.
Perché migrante faccia rima con accoglienza e integrazione.

#raccontiitaliani
#migranti
#integrazione
#linodigianni 
#uguaglianza #scuola #accoglienza #nelsonmandela #sitoweb #blogger #bloggeritalia #insegnanti
  • ...chiunque può entrare e prende fino a 3 libri per visita, lasciando una offerta libera come forma di pagamento
.
.
.
#libridaleggere #roma #civilta #cultura #instabook #libreria
  • @katiacolica_ vince #raccontinellarete e dal suo #racconto verrà realizzato un #corto 
#sdiario prova #orgoglio per una delle sue #sviaggiatrici storiche .
E per la #menzionespeciale ad @azanca1317 e per il #terzoposto al #premiobukowski di @annamartinenghi .
.
.
#katiacolica #annamartinenghi #antonellazanca #scrittriciitaliane #raccontiitaliani #poesie #sitoweb #leggere #scrivere
  • @sytamni su #sdiario con un #racconto dalla Trilogia della città di R.
.
.
.
#raccontiitaliani #raccontobreve #raffaelerutigliano #scrivere #leggere #sitoweb
  • #specialguest su #sdiario Novella Limite, #registateatrale intervistata da @vivianagabrini .
.
.
.
#storieoltreilcancello #follia #readingteatrale #manicomiodivoghera
Seguici