Bad Panda di Luca Bonisoli

DA OGGI IN TUTTE LE LIBRERIE

 

 

La porta dell’ufficio si aprì e Adrian comparve, sospinto da Pasquale.
– Entra e siediti.
Il custode aveva un volto feroce. Le manette dietro la schiena di solito rendevano le persone cattive.
– Togliamogli le manette, va! Adrian, guardami –Agatino lo fissò negli occhi.
Mentre Pasquale lo liberava, il custode sostituì l’espressione feroce con una rassegnata: si sentiva in trappola, ormai.
– Adesso Adrian hai due possibilità. Due. Mi senti, an? – Agatino si spinse in avanti sulla scrivania.
Memore dei recenti avvenimenti, il custode mosse nord sud la testa.
– Ottimo. La prima possibilità è questa: adesso telefoni a Bogdan e gli dici che il cadavere è scoppiato, che puzza, e che deve farti arrivare il compratore.
Si appoggiò allo schienale. Il custode divenne paonazzo, cominciò ad agitarsi.
– Calmo stai, se no ti rimettiamo le manette, va bene? Non serve, e te lo ripeto ad alta voce: non serve a niente fare la testa di minchia. La seconda possibilità è stare zitto e non collaborare. E io ti giuro che farò in modo che tu ti prenda dieci anni di galera a Reggio Calabria, e mi metterò a rompere la minchia ai tuoi figli (o figlie?) finché li farò tornare da dove sono venuti. Sì? – L’ispettore unì le mani di fronte al viso.
Su e giù, nord e sud.
– Che vogliamo fare allora? – Agatino inarcò le sopracciglia.
– Voglio chiamare un avvocato – disse fiaccamente il custode, abbassando gli occhi.– Mavaffanculo va, questo non ha capito una minchia. Pasquale, vado a vedere se il dottore ha finito. Mi sembra che Adrian sia nervoso, stai attento che non caschi dalla sedia che poi magari si fa male, an? – Senza aggiungere altro, si alzò e, accompagnato dallo sguardo del custode che non aveva capito sino in fondo se quel grasso ispettore facesse sul serio, uscì e chiuse la porta di quell’ufficio che da lì a poco sarebbe stato muto testimone di un pestaggio discreto, più per spaventare che per infliggere danni.

©Luca Bonisoli, Todaro editore (2019)

Leave a Comment.

Rubriche
Instagram
Instagram has returned invalid data.
Seguici