Alluvione di Daniela Scudieri

Partendo dalla suggestione del film Rashomon di Akira Kurosawa abbiamo preso una fotografia scattata da Viviana Gabrini e alcuni  Sviaggiatori hanno raccontato una storia interpretando l’immagine a modo proprio.

Il risultato è sorprendente. Perché ogni cosa è vista con i propri occhi e ciascuno di noi ha una sua narrazione della vita e di ciò che vede, anche se l’immagine è la stessa.

***

Piove, e ogni volta che piove torna quel mattino nero nero, con la luce accesa in cucina e lo scroscio torrenziale della pioggi contro i vetri, quando papà agguantò l’impermeabile e uscì per andare in ufficio sbattendo la porta – la mamma doveva averne combinata una delle sue, tipo lasciar scappare il caffè sul fornello; la strada era diventata un torrente, perciò addio scuola e presto il mattino diventò pomeriggio, sempre nero, sempre scrosciante. «Un fiume» disse lei, naso contro il vetro; chissà se ci nuotavano i pesci, bei lampi di colore nell’acqua buia.

Papà non rincasò per il pranzo, lo scroscio diventò un rombo. «Zitta Claudia» disse secca la mamma anche se non avevo fiatato; e si accese una sigaretta. Così arriva subito, pensai vedendo già la porta spalancarsi a tradimento, la mamma colta in flagrante.

Un finimondo. Sulla porta ci stava la vicina con le mani nei capelli. «Un fiume di fango», disse, allagamenti, crolli, uomini messi in salvo sui tetti. Finimondo – parola nuova, rotonda, un mappamondo che girava insieme al disco del telefono, scatto lungo breve lungo lunghissimo breve: centralino dell’ufficio di papà. «Sono saltate le linee».

Fu il giorno del mistero, quello. Il viso della mamma di colpo invecchiato e pieno d’angoscia sebbene, finché papà non tornava, non potessero esserci ordini né porte sbattute. Forse era triste perché anche lei, come me, doveva rinunciare al sogno di uscire tutti e tre insieme per mano, io con gli stivaletti di gomma che mi facevano belli i giorni di pioggia, con l’ombrello aperto sotto l’acqua scrosciante dai tetti, scopata giù dai balconi, svuotata con i catini da tutte le finestre.

«Arriva!» In silenzio guardammo il fiume della strada arrivare quasi a lambire il balcone.

Quando incontrai gli occhi di mamma, andò via la luce e la casa sembrò sprofondare indietro di secoli. Dalla strada buia salì un odore di palude, salirono alti richiami nel boato della pioggia e la sua voce, appena un soffio, disse «aspettiamo».

©Daniela Scudieri, 2019

Leave a Comment.

Rubriche
Instagram
  • Letizia Vicidomini racconta del suo ultimo romanzo a Sdiario
  • Intervista a Roberto Catania

Provate a immaginare più di millequattrocento disegni che scivolano su un tappeto sonoro di gran classe, tessuto di Andrea Martignoni, e tanta, sconfinata poesia. Provate a immaginare il sogno che si veste di forme e di colori che portano addosso la memoria della carta. Non è semplice, serve un grande lavoro di fantasia. Oppure bisogna avere la fortuna di trovarsi alla proiezione di… [ potete leggere il resto su #sdiario ]
https://sdiario.com/intervista-a-roberto-catani-di-alessandro-morbidelli/
.
.
.
#intervista #artista #alessandromorbidelli #scrittore #cortoanimato #disegni #drawing #sitoweb #arte
  • "Come perla Come perla mi lascio inanellare dal fragile filo dei baratti con il tempo scorro al ritmo delle mie sorelle fino al nodo non mi oppongo al corso che mi è dato dove il prima e il dopo solo io conosco sbiadisco in fila indiana nel silenzio prigioniera di un bagliore incatenato." Scelgo le parole di Sabrina de Canio per presentarla: “Quello che ci affascina delle onde del mare non sono la maestria, la tecnica, la fisica dell’onda ma il suo miracoloso compiersi.
#intervista di @missneghi  su @sdiariosviaggiatori (Continua su
https://sdiario.com/intervista-a-sabrina-de-canio-di-anna-martinenghi-1-2/ )
.
.
.
#sdiario #annamartinenghi #poesia #poetessa #scrittrice #sitoweb #sabrinadecanio #parole
  • Ha scritto Nelson Mandela: “L’istruzione e la formazione sono le armi più potenti per cambiare il mondo”.
Oggi #sdiario ospita il racconto del viandante Lino Di Gianni, da anni impegnato nell'insegnamento della lingua italiana agli stranieri.
Perché migrante faccia rima con accoglienza e integrazione.

#raccontiitaliani
#migranti
#integrazione
#linodigianni 
#uguaglianza #scuola #accoglienza #nelsonmandela #sitoweb #blogger #bloggeritalia #insegnanti
  • ...chiunque può entrare e prende fino a 3 libri per visita, lasciando una offerta libera come forma di pagamento
.
.
.
#libridaleggere #roma #civilta #cultura #instabook #libreria
  • @katiacolica_ vince #raccontinellarete e dal suo #racconto verrà realizzato un #corto 
#sdiario prova #orgoglio per una delle sue #sviaggiatrici storiche .
E per la #menzionespeciale ad @azanca1317 e per il #terzoposto al #premiobukowski di @annamartinenghi .
.
.
#katiacolica #annamartinenghi #antonellazanca #scrittriciitaliane #raccontiitaliani #poesie #sitoweb #leggere #scrivere
  • @sytamni su #sdiario con un #racconto dalla Trilogia della città di R.
.
.
.
#raccontiitaliani #raccontobreve #raffaelerutigliano #scrivere #leggere #sitoweb
  • #specialguest su #sdiario Novella Limite, #registateatrale intervistata da @vivianagabrini .
.
.
.
#storieoltreilcancello #follia #readingteatrale #manicomiodivoghera
Seguici